Taranto. Condannata per truffa, Ilva: “Esito di una storia controversa”

Pubblicato il 1 Dicembre 2011 0:48 | Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2011 1:07

TARANTO – ”L’Ilva prende atto dell’esito di una storia controversa”. E’ detto in una nota dell’azienda siderurgica in cui si commenta la decisione della Cassazione di annullare la sentenza di assoluzione nei confronti di quattro imputati, tra cui Emilio e Claudio Riva.

”In primo grado – osserva l’avvocato Egidio Albanese, uno dei legali dell’Ilva – vi era stato un giudizio di condanna mentre in Corte d’appello i giudici avevano assolto nel merito tutti gli imputati. Oggi la sentenza della Cassazione rimette tutto in discussione”.

”C’è rammarico – aggiunge – su come un’azione di salvataggio dei dipendenti della Nuova Siet, che erano disoccupati e in mobilità, sia diventata causa di lunghi contenziosi e azioni giudiziarie. Obiettivo dell’Ilva di Taranto – conclude il legale – è sempre stato quello di salvaguardare il lavoro e creare, dove economicamente possibile, nuova occupazione”.