Taranto come Mantova: donna in coma da 3 mesi partorisce bimbo

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 giugno 2018 19:33 | Ultimo aggiornamento: 17 giugno 2018 19:33
Taranto come Mantova: donna in coma da 3 mesi partorisce bimbo

Taranto come Mantova: donna in coma da 3 mesi partorisce bimbo (Foto Ansa)

TARANTO – A pochi giorni dal caso di Mantova, anche a Taranto una donna in coma ha dato alla luce il figlio. Nel capoluogo jonico è stato un bambino a nascere con taglio cesareo [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] da una donna che è in coma da tre mesi in seguito ad aneurisma cerebrale.

Quando è arrivata in condizioni gravissime nell’ospedale Santissima Annunziata, la donna, che ha 38 anni, era alla ventiduesima settimana di gravidanza. Le sue condizioni erano gravissime e lo sono tutt’ora. Malgrado ciò la donna, ricoverata nel reparto di rianimazione, ha portato avanti per tre mesi la gestazione fino a che i medici hanno ritenuto che fosse arrivato il momento di intervenire.

Il bimbo, che pesa quasi due chilogrammi, è nato al settimo mese. Le sue condizioni generali, tenuto conto delle circostanze, sono buone, ma non è fuori pericolo. E’ ora in incubatrice nel reparto di terapia intensiva dello stesso ospedale.

L’intervento è stato seguito dal personale sanitario dei reparti di Rianimazione e Ostetricia e ginecologia dell’Ospedale dove ora si lotta perché le condizioni della mamma e del bambino migliorino.

Solo pochi giorni fa una vicenda analoga si è verificata all’ospedale Carlo Poma di Mantova, dove una donna di 33 anni in coma da tre mesi ha dato alla luce una bambina. La piccola è nata all’ottavo mese di gravidanza, uno in più del piccolo tarantino, e ora sta bene.

La mamma era stata ricoverata nell’ospedale di Pieve di Coriano, nel mantovano, dopo essere stata colpita da un arresto cardio-circolatorio. Subito dopo le sue condizioni si erano aggravate a causa di un ictus che aveva provocato danni di natura neurologica. Da quel momento la donna vive in uno stato di coma leggero che le impedisce di parlare e di rendersi conto di quanto le accade attorno.

A fine maggio, approssimandosi la data del parto, era stata trasferita all’ospedale di Mantova dove è avvenuto il parto, anche in questo caso con taglio cesareo, e dove è tutt’ora ricoverata nel reparto di terapia intensiva cardiologica.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other