Taranto, rientra a casa e trova la moglie a letto con l’amante. Finisce… malissimo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Gennaio 2020 10:11 | Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2020 10:11
Carabinieri, Ansa

Una volante dei carabinieri (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Rientra in casa e trova la moglie a letto con l’amante e… finisce malissimo. Tutto è successo a Taranto. L’episodio risale all’ottobre del 2018. A raccontare la storia è il Quotidiano di Puglia.

Il marito, scoperto il tradimento, ha picchiato moglie e amante. Per queste ragioni il tribunale di Taranto ha ora condannato il marito, tradito, a venti mesi di reclusione con sospensione condizionale della pena e non menzione.

L’uomo è un 42enne che opera nel settore sanitario. Stesso settore dove lavorano moglie e amante. Di più, però, non si sa sulla loro identità.

“A un certo punto – si legge sul sito del Quotidiano di Puglia – non deve averci visto più. Così, dopo essere entrato in casa e aver trovato la moglie a letto con l’amante, li ha picchiati selvaggiamente. Per queste ragioni il tribunale di Taranto ha condannato il marito tradito a venti mesi di reclusione con sospensione condizionale della pena e non menzione. L’episodio risale all’ottobre del 2018 quando l’uomo, un quarantaduenne che opera nel settore sanitario come la moglie e il suo amante, aveva trovato la coppia clandestina nella sua casa al mare”.

Fonte: Quotidiano di Puglia.