Taranto, uccise un cliente che non pagò le cozze: condannato pescatore

Pubblicato il 21 Maggio 2010 16:03 | Ultimo aggiornamento: 21 Maggio 2010 17:15

Un pescatore di Taranto è sato condannato a 8 anni per aver ucciso con un pugno un uomo che non gli aveva pagato un chilo di cozze.

Angelo Capriulo, di 60 anni, è stato condannato dalla Corte d’Appello per omicidio preterintenzionale. L’uomo era accusato di aver provocato la morte del settantenne Vittorio Stola nel corso di una lite avvenuta il 3 luglio 2006 nei pressi di un bar di via Garibaldi.

In primo grado era stato condannato a 12 anni e 4 mesi di reclusione. L’anziano aggredito, condotto in ospedale, morì dopo circa un mese a causa delle gravi lesioni riportate.