Tasse e case: 6mila italiani in fuga a Lugano. Boom negli ultimi 2 anni

Pubblicato il 25 novembre 2012 13:55 | Ultimo aggiornamento: 25 novembre 2012 13:55

ROMA – Sono 6.000 gli italiani che dall’inizio del 2011 a oggi hanno scelto di spostare la loro residenza a Lugano e dintorni, comunque in Canton Ticino. Uno spostamento che mai in passato era stato tanto vistoso e che sembra originato in primo luogo dalla necessità di mettere al sicuro una ricchezza e un benessere che paiono vulnerabili in Italia. Il dato dei 6.000 italiani che hanno voluto diventare svizzeri è confermato dagli uffici del Consolato italiano di Lugano.

Tanti sono gli italiani che negli ultimi due anni hanno chiesto l’iscrizione all’Aire, il registro degli italiani residenti all’estero. Per capire le dimensioni del fenomeno basta soffermarsi su alcune coordinate: nel 2010 gli italiani che avevano traslocato a nord di Chiasso erano stati poco più di 700, la popolazione di Lugano non raggiunge quota 60 mila abitanti e quella dell’intero Canton Ticino è di 330 mila.

Il Ticino è poi scenario di un boom immobiliare senza precedenti e un appartamento in centro a Lugano passa di mano anche a 25 mila franchi al metro quadrato. Nonostante ciò nel 2011 le case comprate a Lugano sono state 4072 contro le 2806 dell’anno precedente. E se si trattasse in gran parte di residenze fittizie, solo per sfuggire all’Erario italiano? Il rischio c’è e i controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate si fanno sempre più stringenti.