Tav. Italia e Francia firmano accordo a Lione, 6 bus fermati alla frontiera

Pubblicato il 3 Dicembre 2012 14:02 | Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2012 14:02
Lione, Protesta No Tav a margine dell’ incontro Monti-Hollande (Foto LaPresse)

LIONE – La Tav si farà “nelle tempistiche previste”. Mario Monti e François Hollande hanno firmato al vertice di Lione una dichiarazione congiunta in cui si conferma la realizzazione della Tav Torino-Lione. L’impegno di Italia e Francia che conferma la realizzazione del controverso progetto, i cui lavori dovrebbero cominciare ad inizio 2014, è contenuto in una dichiarazione congiunta firmata dai ministri per lo Sviluppo economico, Corrado Passera, e dei Trasporti, Frederic Cuviller.

Intanto 6 bus di No Tav sui 12 diretti a Lione sono stati fermati alla frontiera dalla polizia e dalla gendarmeria francese per controlli. I No Tav sono diretti a Lione per la manifestazione di protesta organizzata dal movimento in concomitanza con il vertice Italia-Francia programma. A differenza di quanto avvenuto lo scorso sabato, questa volta nessun manifestante è stato respinto alla frontiera e tutti hanno potuto proseguire il viaggio. Le operazioni si sono svolte senza incidenti, anche se vi sono stati alcuni diverbi tra le parti.