Teacher Pride, alle 11 tutti fermi per la prof Rosa Maria Dell’Aria. Si leggono artt. 21 e 33 della Costituzione

di Daniela Lauria
Pubblicato il 21 Maggio 2019 10:48 | Ultimo aggiornamento: 21 Maggio 2019 10:51
Teacher Pride, alle 11 tutti fermi per la prof Rosa Maria Dell'Aria. Si leggono artt. 21 e 33 della Costituzione

Teacher Pride, alle 11 tutti fermi per la prof Rosa Maria Dell’Aria. Si leggono artt. 21 e 33 della Costituzione

PALERMO – Docenti di tutta Italia uniti per Rosa Maria Dell’Aria, la prof di Palermo sospesa per 15 giorni a causa del video di alcuni suoi alunni che paragonava il decreto sicurezza alle leggi razziali del 1938. Si chiama Teacher Pride e l’appuntamento è per oggi, martedì 21 maggio alle ore 11, quando studenti e docenti solidali con la prof, interromperanno le loro attività per leggere gli articoli 21 e 33 della Costituzione, quelli cioè che sanciscono la libertà di pensiero e di insegnamento. 

A lanciare l’iniziativa sono stati i docenti del Liceo Anco Marzio di Ostia “indignati per la grave ingiustizia subita dalla professoressa Rosa Maria Dell’Aria, convinti che l’azione punitiva da lei subita ha leso i principi fissati negli artt. 21 e 33 della nostra Costituzione, e che, quindi, mette a rischio per ciascun cittadino e insegnante il rispetto dei diritti costituzionalmente sanciti di libertà di pensiero, parola e insegnamento”.

L’invito è rivolto non solo al mondo della scuola ma a tutti i cittadini. Con l’hashtag #iononSorveglioSveglio, alle ore 11 “ogni insegnante, studente, cittadino che voglia riaffermare la libertà di pensiero e di insegnamento, dovunque si trovi”, potrà far sentire la propria voce. “Laddove possibile – dicono gli organizzatori – la lettura solenne sarà fatta in gruppo. Invitiamo tutti coloro che aderiscono a darne notizia attraverso comunicati stampa e social”.

Art. 21 Costituzione

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Art. 33 Costituzione

L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento. La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.