Terni, spari in ospedale: due detenuti tentano la fuga. Uno bloccato, l’altro inseguito sulla superstrada

di Daniela Lauria
Pubblicato il 13 Marzo 2019 11:01 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2019 11:20
Terni, spari in ospedale: due detenuti tentano la fuga. Uno bloccato, l'altro inseguito sulla superstrada

Terni, spari in ospedale: due detenuti tentano la fuga. Uno bloccato, l’altro inseguito sulla superstrada

TERNI – Momenti di puro terrore all’ospedale di Terni, quando due detenuti italiani che erano ricoverati hanno cercato di evadere. E’ successo martedì 12 marzo intorno alle 22.40, durante gli ultimi minuti di Juve-Atletico Madrid. Approfittando di un momento di distrazione dei poliziotti della penitenziaria che li piantonavano, hanno prima aggredito una infermiera e poi gli stessi agenti. Uno è stato bloccato all’interno dell’area ospedaliera, l’altro invece è riuscito a scappare, nonostante fosse stato ferito ad una gamba da un colpo di pistola. E’ stato bloccato poco dopo dalla stradale lungo il raccordo Terni-Orte, poco prima del casello autostradale, dopo 20 km di inseguimento. 

Uno degli evasi era in carcere a Terni per rapina ed era stato portato in ospedale dopo avere ingerito alcuni oggetti, l’altro era nella sezione alta sicurezza di Spoleto sembra per reati associativi ed era ricoverato in seguito a una colluttazione. Hanno tentato di fuggire quando l’infermiera è entrata nella loro camera per delle medicazioni. Insieme sono riusciti ad arrivare fino al piazzale esterno dove hanno bloccato una ragazza che stava uscendo dall’ospedale alla guida di una Peugeot 206 bianca. L’hanno trascinata a morsi fuori dall’abitacolo. Le grida della donna hanno richiamato l’attenzione degli agenti che accorsi sul posto, sono riusciti a fermare solo uno dei due: il romano Alessio Cesarini, detenuto a Terni dove è stato ricondotto.

L’altro, il calabrese, Angelo Abate, è invece scappato dopo avere sottratto l’auto della ragazza, nonostante la penitenziaria avesse sparato quattro colpi di pistola. La stradale e dalla polizia di Stato lo hanno rintracciato in un autogrill della superstrada per Orte alle porte di Terni. Era ferito di striscio a una gamba. Arrestato è stato ricondotto in ospedale per le dovute cure. Ai due verrà contestato il reato di evasione, mentre Abate dovrà rispondere anche delle accuse di rapina e lesioni procurate sia alla giovane ternana che agli agenti coinvolti.

I due poliziotti penitenziari sono rimasti feriti nella colluttazione: uno ha riportato escoriazioni al volto, meno grave il referto per il collega. Sotto choc invece la ragazza che è stata rapinata dell’auto.

Fonte: Ansa