Terremoti al Nord, Gabrielli: “Case in sicurezza e piani della Protezione civile”

Pubblicato il 27 Gennaio 2012 21:32 | Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio 2012 21:47

ROMA, 27 GEN – ''Non possiamo dire che non seguiranno altre scosse. Ne' che ci sara' una scossa piu' forte o un evento come quello dell'Aquila'': per questo l'unica forma di protezione contro i terremoti e' ''avere abitazioni sicure e piani di protezione civile aggiornati in tutti i Comuni''.

Lo ha ribadito il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, al termine del comitato operativo convocato per fare il punto della situazione dopo le scosse di terremoto che hanno interessato negli ultimi giorni diverse parti d'Italia.

Gabrielli ha ricordato che non e' solo il Nord Italia ad essere interessato dai terremoti: ''Anche il Pollino – ha sottolineato – da mesi e' interessato da attivita' sismiche continue''. L'Italia, insomma, e' sempre a rischio sismico ed e' per questo che e' necessario mettere in atto tutta una serie di misure preventive, perche' il terremoto non si puo' prevedere.

''Se approcciamo il rischio sismico limitandoci a dire 'verra' o non verra' il terremoto' non faremo mai passi avanti – ha ripetuto il capo della Protezione Civile – se invece ci mettiamo nell'ordine di idee di vivere in un territorio a rischio sismico e pensiamo a strutture ed edifici che possono resistere alle scosse, allora avremo il giusto approccio''.

Dunque, c'e' una sola strada: ''Bisogna mettere in sicurezza gli edifici. Continuare a mettere in ridicolo questi avvisi e' molto rischioso''.