Terremoto Albi, sciame sismico nella Presila catanzarese preoccupa la popolazione

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Febbraio 2020 10:20 | Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio 2020 10:20
Terremoto, Ansa

Terremoto Albi, sciame sismico nella Presila catanzarese preoccupa la popolazione (foto Ansa)

ROMA – Lo sciame sismico che si registra dallo scorso 17 gennaio nell’area della Presila Catanzarese preoccupa sempre più la popolazione.

Nella giornata di ieri, domenica 2 febbraio, sono state registrate diverse scosse, la più forte di magnitudo 3,1 e questo ha provocato una vera e propria psicosi tra i residenti di Albi, la cittadina epicentro dei terremoti. In tanti hanno deciso di trascorrere la notte nelle autovetture, nei pressi dello stadio comunale. Una scelta dettata dalla preoccupazione derivante dalle continue scosse, tutte avvenute molto in superficie e, quindi, avvertite chiaramente dalla popolazione. In un clima di paura, la gente ha preferito rimanere nelle auto, parcheggiate in fila, sotto il controllo vigile dei Carabinieri che hanno presidiato il paese. Sono state allertate le associazioni di volontariato e l’amministrazione comunale. Diversi Comuni della fascia presilana hanno deciso di chiudere le scuole per la giornata di oggi, con l’obiettivo di verificare gli immobili interessati dalle continue sollecitazioni.

L’elenco delle scosse.

Domenica mattina, alle 7,51, con epicentro Albi, la prima scossa con magnitudo 2.8 e una profondità di appena 4 chilometri. Poi le tre forti scosse della sera. La prima alle 20,24, con una magnitudo 3.1 e una profondità di 6 chilometri, quindi alle 21,05 una scossa di magnitudo 2.3 sempre in superficie, replicata alle 22,26 con una magnitudo di 2.4. Nella notte, alle ore 1,15, una nuova scossa di magnitudo 2.0. La preoccupazione è ormai una vera e propria psicosi. La situazione è costantemente monitorata dalla Protezione civile della Calabria che ha evidenziato di essere “in contatto continuo con i Sindaci dei territori coinvolti con i quali sta organizzando incontri con la popolazione per fare il punto della sul fenomeno in corso, sui piani di protezione civile comunali e sui comportamenti da adottare”. Già nei giorni scorsi, dopo il terremoto del 17 gennaio di magnitudo 4.0 che ha innescato lo sciame sismico, alcuni esperti della Protezione civile hanno incontrato la popolazione di questa zona per fornire informazioni utili.

Fonte: Agi.