Terremoto Benevento, scossa di magnitudo 3,2. Epicentro a Ceppaloni. Martedì scuole chiuse

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Novembre 2019 12:18 | Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2019 14:54
Un sismografo, Ansa

Un sismografo (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Una scossa di terremoto di magnitudo 3.2 è stata avvertita  poco dopo mezzogiorno di oggi, lunedì 25 novembre, nella zona di Benevento, con epicentro a Ceppaloni. Secondo i rilevamenti della Sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (ingv) il terremoto è avvenuto a 11 chilometri di profondità.

La scossa ha scatenato il panico soprattutto nelle scuole, che sono state immediatamente evacuate. Alunni e personale si sono riversati in strada a Benevento e in diversi centri della provincia. Persone in fuga anche dalle abitazioni e da uffici pubblici.

Martedì scuole e uffici pubblici chiusi.

Gli uffici pubblici e le scuole di ogni ordine e grado saranno chiusi martedì 26 novembre a Benevento e in altri comuni delle province di Benevento e di Avellino per consentire le verifiche di staticità degli edifici. Si è appena conclusa con questa decisione una prima riunione del Centro operativo comunale di Benevento e lo stesso sindaco Clemente Mastella annuncia i provvedimenti urgenti adottati.

“Ho parlato con il capo della protezione civile nazionale Borrelli – spiega al termine della riunione – e lo sciame sismico c’è per parte della provincia, avvertito in maniera sensibile anche a Benevento. Poiché tutti gli sciami possono preavvertire o rimanere inalterati nella loro entità, ci è sembrato opportuno, d’intesa con il prefetto, chiudere gli uffici pubblici e le scuole”.

La stessa decisione è stata adottata dai sindaci di Ceppaloni, San Leucio Del Sannio, San Giorgio del Sannio, Apollosa, e per la provincia di Avellino dal sindaco di Altavilla Irpina.

Sono i comuni più vicini all’epicentro delle cinque scosse avvertite tra questa notte e stamani e il comune irpino ha attivato una stazione sismica, che in tempo reale fornisce dati precisi sull’entità delle scosse registrate. La stazione è attiva dal 2016 e consultabile via internet. Sui social il tam tam ha suscitato allarmi ingiustificati e provocato la diffusione di notizie false. Dal sito del Comune di Altavilla Irpina è possibile seguire l’evolversi della situazione. La giornata di domani nei comuni vicini all’epicentro sarà quindi dedicata alle verifiche di tutti gli edifici pubblici con il supporto dei vigili del fuoco.

La cronologia delle scosse.

Già nella notte e nella prima mattinata di oggi  c’erano state altre scosse di terremoto.

Con quest’ultima, in totale, sono quattro le scosse di terremoto avvenute tutte nella stessa zona.

La prima, di magnitudo 2,2, è stata registrata intorno a mezzanotte e venti. La seconda, di magnitudo 2,9, poco prima dell’una. La terza, di magnitudo 2,7, alle 7,54 di questa mattina.

Fonte: Ansa.