Terremoto: in Emilia ancora diverse strade chiuse e limiti al traffico

Pubblicato il 4 Giugno 2012 15:32 | Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2012 16:00

MARZAGLIA (MODENA), 4 GIU – E' tornato transitabile anche per i mezzi fino a 45 tonnellate il ponte sulla tangenziale di Finale Emilia (Modena), oggetto nei giorni scorsi di un intervento di ripristino dei danni causati dal terremoto. Lo ha reso noto il centro coordinamento soccorsi di Marzaglia, spiegando che rimane in vigore il limite di velocità di 30 km/h.

Analoga limitazione e il divieto di transito per i mezzi pesanti rimangono invece per il cavalcaferrovia di San Felice sulla Sp 468. Sempre a San Felice, e' stato disposto il rallentamento dei treni alla velocità di 60 km/h sulla linea Bologna-Verona per un tratto di 300 metri a ridosso della torre piezometrica di Aimag, controllata 24 ore su 24 perché pericolante.

Permangono limitazioni al traffico anche per il ponte sul Panaro a Bomporto sulla Sp 1, transitabile da mezzi fino a 18 tonnellate bus compresi, e per il ponte sul Secchia a Concordia sulla Sp 8, chiuso a tutti i veicoli. Numerose le chiusure al transito: sulla Sp 7 a Fossa di Concordia, sulla Sp 5 nel centro abitato di Cavezzo, sulla Sp 11 in corrispondenza della chiesa di San Possidonio e sulla Sp 468 in prossimità della chiesa di Massa Finalese, sulla Sp 468 dall'incrocio con la statale 12 al polo industriale di San Felice, sulla Sp 11 dall'incrocio con la Sp 467 fino al km 3+800, sulla Sp 413 nel centro abitato di Novi.

A Bastiglia, via Chiaviche è chiusa al traffico per pericolo di crolli fino alla completa demolizione di un fabbricato pericolante.