Terremoto centro Italia: sciame sismico tra Amatrice e Arquata del Tronto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 dicembre 2017 8:12 | Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2017 8:12
sciame-sismico-amatrice

Terremoto: la zona dello sciame sismico tra Amatrice e Arquata del Tronto (foto Ingv)

AMATRICE – Torna la paura terremoto nel Centro Italia, dove c’è stato uno sciame sismico nella notte tra 27 e 28 dicembre. Circa 10 le scosse di terremoto registrate dalla mezzanotte, tra cui una di magnitudo 2.7 con epicentro a 9 km da Amatrice (Rieti) e due di magnitudo 2.6 a 7 km da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno). I dati sono stati diffusi dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). Non si registrano danni a persone o cose.

Intanto rinviata la consegna di nove Sae a Sarnano (Macerata) fino a quando gli operai del consorzio Arcale, che oggi stavano lavorando, non avranno sistemato le criticità segnalate nelle ‘casette’ su mobili e impianti. Mentre a Caldarola, 41 famiglie hanno deciso di entrate nelle nuove Sae “in un clima di festa”, dopo un anno di assenza dal paese a seguito del terremoto, nonostante i difetti segnalati dal sindaco Luca Maria Giuseppetti: non è un dietrofront rispetto alla denuncia di ieri, ma “la scelta del male minore”, precisa una nota del Comune che ha lasciato agli assegnatari la decisione se entrare o meno. “Ho riconsegnato le chiavi all’Erap – ha spiegato il sindaco di Sarnano Franco Ceregioli -. Vorrei assegnare le Sae il prima possibile ma non voglio mettere fretta: se gli operai, che oggi erano presenti in gran numero, lavoreranno così anche nei prossimi giorni, si potrà procedere in tempi brevi”.

“Occorre che Arcale intervenga per risolvere i difetti delle Sae – ha ribadito l’assessore regionale alla Protezione Civile Angelo Sciapichetti -: ritardi e danni sono responsabilità di Arcale che non abbiamo scelto noi ma un bando nazionale. Siamo preoccupati perché stanno maturando ritardi inconcepibili, le penali le stiamo applicando: dobbiamo consegnare le casette con tutti i servizi funzionanti, come previsto dal capitolato”. A Sarnano “stanno risolvendo le cose punto per punto – ha detto Cerigioli -. Manca la parte esterna ma l’importante è che gli impianti funzionino”. “Abbiamo atteso tanto – è la posizione degli assegnatari – possiamo aspettare qualche giorno in più, l’importante è che sia tutto a posto”.

Mentre a Caldarola, le famiglie hanno preferito entrare subito. “Nonostante tutto è la giornata più bella da quando sono sindaco di un paese terremotato – ha ammesso Giuseppetti -, finalmente 100 paesani sono rientrati nel comune. Poi – ha aggiunto – le finiture, i dettagli, le storture di queste abitazioni provvisorie verranno risolte, l’importante è che sono nuovamente riuniti con noi nello stesso contesto. Il mio auspicio è che questo provvisorio lo sia per poco”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other