Terrore ai caselli dell’autostrada: rapine con ascia a Lodi, Bergamo e Milano

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Giugno 2013 11:00 | Ultimo aggiornamento: 20 Giugno 2013 11:00
Terrore ai caselli dell'autostrada: rapine con ascia a Lodi, Bergamo e Milano

(Foto Lapresse)

MILANO – Terrore ai caselli autostradali della Lombardia: un uomo, forse con un complice, ha assaltato con un’ascia in mano i casellanti di Milano, Lodi e Bergamo. Sei rapine, tutte di notte. Non è certo che si tratti sempre della stessa persona, ma è l’ipotesi più probabile. Solo in due episodi su sei l’ascia è stata sostituita da un piccone. 

L’ultima rapina la sera del 18 giugno in provincia di Lodi, al casello di Pieve Fissiraga. Brandendo un’ascia l’uomo si è fatto consegnare l’incasso. Solo in questa circostanza l’uomo si è presentato con un complice e ha dato alcuni colpi d’ascia alla guardiola per immobilizzare la vittima. Negli altri casi l’ascia è servita solo per minacciare.

In precedenza due volte è stato preso di mira il casello di Bergamo, una volta quello di Grumello e due volte la barriera di Milano Est, sempre lungo la A4.

Il copione è sempre lo stesso: l’uomo si affianca al casello come se dovesse pagare, ma quando è il momento tira fuori un’ascia e si fa consegnare l’incasso. Bottini di non più di 2.200 euro.

Dalle immagini delle telecamere di sicurezza non si vede il volto dell’uomo, coperto da una sciarpa. Due delle auto usate sono risultate rubate. La Polizia Stradale ha intensificato i controlli.