Terrorismo, espulso da Italia studente turco della Normale. “Voleva farsi esplodere”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Gennaio 2015 14:42 | Ultimo aggiornamento: 20 Gennaio 2015 20:30
Terrorismo, espulso dalla Normale di Pisa studente turco

Terrorismo, espulso dalla Normale di Pisa studente turco

PISA – Uno studente turco della prestigiosa Scuola Normale di Pisa è stato espulso dall’Italia. Aveva manifestato delle simpatie islamiste su alcuni siti internet. L’espulsione in realtà risale a fine dicembre, ma la notizia è trapelata solo oggi 20 gennaio. Gli inquirenti hanno anche perquisito la casa del giovane. Lì hanno trovato riscontri ai sospetti.

Furkan Semih Dundar, 25 anni, studente di un corso di perfezionamento in fisica avrebbe inviato alcuni messaggi minatori via mail a siti istituzionali italiani e americani, minacciando di farsi esplodere davanti alle ambasciate. 

Per questo il giovane era finito nel mirino della Digos dopo aver postato alcuni messaggi anti-occidentali su blog e siti islamisti monitorati dalla polizia. Una volta identificato lo straniero è stato prima accompagnato presso un Cie (Centro di identificazione ed espulsione) italiano e poi rimpatriato.

Gli inquirenti hanno poi informato la Normale che lo studente non seguirà più il corso al quale era iscritto. Dall’università arriva una nota del direttore, Fabio Beltram:

«Il giovane cittadino turco è stato espulso dopo un mese dall’ammissione avvenuta a seguito di una selezione effettuata in base al suo curriculum e a un colloquio nel quale è stata verificata la sua competenza nella fisica dei buchi neri e della connessione di questa con la teoria delle stringhe», spiega. «La Scuola Normale Superiore – aggiunge Beltram – è aperta a candidature provenienti da qualunque Paese e persegue l’obiettivo di formare i giovani ricercatori in un ambiente internazionale secondo gli standard dei migliori atenei mondiali. La Scuola non controlla blog o siti personali su cui i propri allievi esprimono opinioni personali».