Terrorismo, c’è anche un maestro italiano nella cellula Isis che indottrinava bambini

di redazione Blitz
Pubblicato il 28 marzo 2018 15:40 | Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2018 15:40
Terrorismo, c'è anche un maestro italiano nella cellula Isis che indottrinava bambini

Terrorismo, c’è anche un maestro italiano nella cellula Isis che indottrinava bambini

BARI – C’è anche un docente italiano, originario di Foggia ma da anni residente a Ferrara, tra gli indagati nell’inchiesta della Dda di Bari su una presunta cellula terroristica che ha portato ieri all’arresto del 59enne di origini egiziane, Mohy Eldin Mostafa Omer Abdel Rahman.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Abdel Raman, presidente dell’associazione culturale islamica “Al Dawa”, ora sotto sequestro, è accusato di indottrinare al martirio anche bambini. Contestualmente al suo arresto e al sequestro di beni nei confronti di sua moglie, la 79enne Vincenza Barbarossa, gli uomini della Digos hanno eseguito perquisizioni domiciliari nei confronti di altri tre indagati: due connazionali di Abdel Rahman residenti a Foggia, e il docente italiano convertito all’islam.

Quest’ultimo, parente della moglie del 59enne, è di origini pugliesi ma risiede da molti anni a Ferrara, dove è sposato con figli e insegna in un istituto comprensorio a bambini di età compresa fra i 6 e 12 anni.

Le indagini dell’Antimafia barese hanno rivelato contatti e frequentazioni sospette con l’associazione culturale di Foggia da parte dell’ uomo. Durante la perquisizione domiciliare, sono stati sequestrati diversi supporti informatici e materiali che sono attualmente al vaglio degli inquirenti.