Test di Medicina 2018, sì del Consiglio di Stato al ricorso di 250 studenti

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 Ottobre 2019 22:15 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2019 22:20
Test di Medicina 2018, sì del Consiglio di Stato al ricorso di 250 studenti

(Foto archivio Ansa)

ROMA   –   Sì del Consiglio di Stato al ricorso di 250 studenti che non erano stati ammessi alle Facoltà di Medicina e Chirurgia dopo il test d’ingresso sostenuto lo scorso anno. Un numero che si aggiunge a quello dei duemila giovani che negli ultimi cinque anni hanno vinto a loro volta il ricorso. E sono così di nuovo i giudici a decidere sul diritto di studiare da medico e a picconare il numero chiuso.

Nelle motivazioni a Palazzo Spada scrivono che “tale aumento non soltanto è indice del sottodimensionamento dei posti sin qui disponibili nell’offerta formativa, ma sembra anche più aderente ai prevedibili fabbisogni sanitari futuri”.

Dal canto loro, gli avvocati del network legale di Consulcesi che hanno rappresentato i 250 ricorrenti sottolineano che la sentenza “si fonda anche sul fatto che per l’anno accademico 2019/2020 il ministero ha aumentato di 1.600 i posti disponibili”.

Le polemiche per il test di Medicina di settembre

La notizia del buon fine dei ricorsi arriva a poche settimane delle polemiche seguite al test di Medicina che si è tenuto agli inizi di settembre. Dagli aspiranti camici bianchi di tutta Italia infatti è arrivato il 35% di segnalazioni di irregolarità in più rispetto al 2018, una percentuale che apre la strada a nuove centinaia di ricorsi davanti alla giustizia amministrativa.

Stando alle indicazioni dei ragazzi che hanno preso parte al test e si sono rivolti a Consulcesi, durante la prova ci sarebbero stati suggerimenti e movimenti sospetti, persone che potevano uscire liberamente, membri della Commissione che parlavano con i candidati, plichi manomessi, favoritismi, identificazione degli studenti effettuata in modo non aderente alla procedura.

Alla Sapienza di Roma, è stato segnalato, sono intervenute le forze dell’ordine perché alcuni studenti avevano i documenti falsificati. Non solo: tra le 3 e le 5 della notte del 3 settembre, prima che cominciassero i test, sarebbero stati registrati picchi di ricerca su Google su “cellule epiteliali, Khomeini e crisi dei missili a Cuba”, tre degli argomenti effettivamente risultati materia d’esame.

Dure le critiche di Tortorella al sistema d’ingresso per diventare dottori in Medicina: “Il diritto allo studio non può essere limitato. La selezione dei più capaci e meritevoli deve essere fatta durante il corso di studi e non affidata alla cabala di quiz commissionati a una società privata. Per il momento, in attesa che questo avvenga, l’unico modo per gli studenti di esercitare il loro diritto finisce per essere quello di andare davanti agli organi della giustizia amministrativa”. (Fonte: Ansa)