Tevere, c’è un coccodrillo? Decine le segnalazioni. Le guardie zoofile a caccia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 settembre 2018 13:11 | Ultimo aggiornamento: 20 settembre 2018 13:22
Tevere, c'è un coccodrillo? Decine le segnalazioni. Le guardie zoofile a caccia (foto d'archivio Ansa)

Tevere, c’è un coccodrillo? Decine le segnalazioni. Le guardie zoofile a caccia (foto d’archivio Ansa)

ROMA – C’è un coccodrillo nel Tevere? A Roma sono decine le segnalazioni. Daniele ha 22 anni e mercoledì pomeriggio ha chiamato il 112: “Venite, ho visto il coccodrillo sotto il ponte della Musica”. Ma questa è stata solo l’ultima segnalazioni. Altri avvistamenti sono stati registrati da ponte Duca D’Aosta, da Ponte Risorgimento e Ponte Flaminio. Avvistamenti elencati da Leggo.

Oggi, giovedì 20 settembre, le guardie zoofile andranno a caccia del coccodrillo. Il primo ad avvistarlo è stato un pescatore, Antonio Visconti: “Non era assolutamente un pesce – ha dichiarato agli agenti – era lungo più di un metro e mezzo, si è nascosto nell’area fangosa”.

L’esperto del Bioparco è scettico: “Non credo molto alla presenza di un coccodrillo del Tevere – spiega Federico Coccìa, esperto di animali esotici – certo, ora che è scattata la psicosi anche un tronco d’albero può sembrare un mostro. Certo, se ci fosse sarebbe sicuramente un animale abbandonato da qualche incosciente che l’ha acquistato tramite mercato clandestino, ma ci andrei cauto al momento. Chi lo avvistasse lo fotografi”.

Ma un coccodrillo, spiega Coccìa, potrebbe tranquillamente vivere nel Tevere: “L’habitat è perfetto e avrebbe di sicuro un gran nutrimento con topi, pesci e uccelli acquatici – continua Coccìa – ma ripeto, non alimentiamo l’allarmismo senza dati certi”.