Accusa: “Si fingevano assistenti civici a Milano”. Denunciati gli youtuber The Show

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Giugno 2020 9:48 | Ultimo aggiornamento: 5 Giugno 2020 11:31
Si fingono assistenti civici a Milano: denunciati gli youtuber The Show

Si fingono assistenti civici a Milano: denunciati gli youtuber The Show

MILANO – Due finti ‘assistenti civici‘ sono stati denunciati, a Milano, dalla Polizia di Stato. Si tratterebbe, scrivono l’Ansa, l’Agi e il Giorno, di due youtuber di 29 anni indagati “per usurpazione di titolo” e a cui è stata sequestrata “una pettorina gialla con la scritta ‘Comune di Milano – Assistente Civico’ oltre a due tesserini plastificati con la loro fotografia e il logo del Comune di Milano”.

Si tratterebbe dei due ragazzi, noti come The Show, canale Youtube con oltre 3 milioni di iscritti. In realtà il Giorno ha specificato che non è chiaro se i due abbiano agito in coppia, in gruppo, o se durante l’azione contestata fosse presente solo uno dei due.

Scrive l’Ansa che, secondo le indagini, lo scorso 29 maggio i due avrebbero cercato di intimidire il titolare di un locale in corso Lodi, prima facendo finta di essere, appunto, degli assistenti civici poi estraendo dei petardi.

Quando il negoziante ha chiesto spiegazioni, uno dei due avrebbe insistito, dicendo che era lì per scongiurare assembramenti. A quel punto, proseguono Ansa e Agi, il ragazzo avrebbe estratto un petardo dal marsupio e lo avrebbe messo sul bancone del locale. Il titolare spaventato lo avrebbe lanciato fuori dal negozio, ma, continua la cronaca dell’Agi e del Giorno, il finto assistente civico ne avrebbe tirato fuori un altro.

Lo youtuber allora, per concludere lo scherzo, avrebbe tirato fuori un blocchetto e avrebbe fatto finta di fare una multa.

Il negoziante, infuriato per “l’esperimento” di cui sarebbe stato vittima, ha denunciato l’episodio alla polizia.

Il giorno successivo, racconta il Giorno, gli agenti avrebbero intercettato gli youtuber in Piazza Medaglie d’Oro (uno dei due ancora con la pettorina) e li hanno fermati e accompagnati in commissariato. Per i 29enni è scattato il sequestro di pettorine e badge e la denuncia a piede libero per usurpazione di titoli. (fonti ANSA, IL GIORNO)