Tiziana Cantone, la madre scrive alla Boldrini: “Giustizia per mia figlia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 agosto 2017 20:27 | Ultimo aggiornamento: 21 agosto 2017 20:27
Tiziana Cantone, la madre scrive alla Boldrini: "Giustizia per mia figlia"

Tiziana Cantone, la madre scrive alla Boldrini: “Giustizia per mia figlia”

NAPOLI – La madre di Tiziana Cantone, Maria Teresa Giglio, lancia un nuovo appello. Stavolta la donna si è rivolta alla presidente della Camera, Laura Boldrini, che ha recentemente annunciato di voler avviare una vera e propria campagna di condanna verso chi la insulta sul web. Ed in una lunga lettera, diffusa attraverso l’avvocato Romina Farace e riportata dal quotidiano “il Mattino“, chiede ancora una volta giustizia per sua figlia.

“La presidente della Camera Laura Boldrini ha denunciato quelli che sul web, i cosiddetti haters, si divertono a insultare gli altri, con un linguaggio provocatorio, violento, fatto di commenti offensivi, sessisti e di discriminazioni verso le donne specialmente”, si legge nella lettera, “La sua denuncia ha fatto sì che si mobilitassero subito tutte le autorità. Insomma, si è mobilitata mezza nazione per la presidente, individuando tempestivamente i colpevoli. A questo punto, a una madre, che ha perso in modo tragico per tante negligenze, la propria e unica figlia, viene da chiedersi: ma la giustizia non dovrebbe essere uguale per tutti?”.

Il ricordo di Tiziana è straziante:

“Non ambiva a nessuna popolarità e non cercava di farsi strada e di avere successo in nessun campo. Eppure non è riuscita a mettere fine a tutta la gogna mediatica e alle diffamazioni che subiva”, prosegue la lettera, “Non è stato individuato neanche un colpevole, di tutto ciò che ha dovuto subire la mia povera Tiziana, un anno di tritacarne virtuale, pagine fake con i suoi profili delle quali non si conoscono ancora i nomi dei gestori, la sua immagine infarcita di epiteti senza vergogna, continue diffamazioni, ingiurie”.

Infine l’accusa vera e propria:

“Tiziana ha pagato un prezzo troppo caro: questo è omicidio. Cito ora, una dichiarazione della Boldrini, a proposito di denunciare quanti offendono sui social: “Lo farò anche per incoraggiare tutti coloro — specialmente le nostre ragazze e i nostri ragazzi — che subiscono insulti e aggressioni verbali a uscire dal silenzio e denunciare chi usa internet come strumento di prevaricazione”. Tiziana ha denunciato, ha fatto tutto ciò che ha potuto, non è stata in silenzio e che cosa è stato fatto? Nulla. Lo Stato dov’è? Presidente, eviti che Tiziana Cantone sia morta invano”.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other