Tom Cruise gira Mission Impossibile 7 all’Umberto I. L’allarme dall’ospedale: “Riprese vicino ai pazienti Covid”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Ottobre 2020 12:49 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2020 12:49
Tom Cruise, foto Ansa

Tom Cruise gira Mission Impossibile 7 all’Umberto I. L’allarme dall’ospedale: “Riprese vicino ai pazienti Covid” (foto Ansa)

Tom Cruise gira Mission Impossibile 7 all’Umberto I. L’allarme: “Riprese vicino ai pazienti Covid”.

Tom Cruise è a Roma per le riprese di “Mission: Impossible 7”. E il set sembra stia creando non pochi problemi all’Umberto I.

Il problema, fanno sapere dall’ospedale, è che all’interno della struttura ci sono 140 malati di Covid-19 “poco distanziati” dalla troupe hollywoodiana.

Le riprese poi, spiegano, stanno andando avanti a circa una decina di metri dall’ascensore riservato ai pazienti affetti dal virus. 

“Stiamo vivendo una situazione di promiscuità inaccettabile – dicono dall’ospedale -.

Da 1200 posti letto siamo passati in questi giorni a 500, 300 per i malati normali e 200 per covid.

La cosa grave è che in questo momento drammatico nel quale si sta innalzando la curva del contagio, essendo noi una dei policlinici di riferimento del Lazio per il coronavirus, si sia dato il permesso di ospitare una troupe cinematografica hollywoodiana”.

Le riprese però sembra che andranno ancora avanti.

“Le grandi produzioni cinematografiche internazionali – si legge in una nota del Campidoglio – continuano a scegliere Roma. Dopo il lockdown si registra una intensa ripresa, nel periodo giugno-agosto le richieste all’Ufficio Cinema sono 596, in aumento rispetto alle 583 del 2019.

E la città come l’Amministrazione li accoglie.

E’ stata autorizzata in questi giorni dagli uffici capitolini la Società Lotus Production srl per la realizzazione del nuovo Mission Impossible”.

“Si tratta – si legge ancora – di un impegno economico ed organizzativo molto consistente, adottando scrupolose misure di prevenzione della diffusione del virus, con test giornalieri per l’intera troupe e cast e disinfezioni degli ambienti e attrezzature.

Secondo i dati forniti dalla produzione americana dei circa 35 milioni di costi della produzione in Italia si prevede che oltre 18 milioni saranno spesi a Roma”. (Fonti: Huffington Post, La Repubblica, Ansa).