Torino. 11 anni, anoressica, suicida giù dal balcone

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 novembre 2015 8:39 | Ultimo aggiornamento: 9 novembre 2015 8:39
Torino. 11 anni, anoressica, suicida giù dal balcone

Torino. 11 anni, anoressica, suicida giù dal balcone

TORINO – Soffriva di anoressia, non voleva mangiare. E poi si è uccisa, gettandosi dal balcone di casa, dal terzo piano. Una vicenda di quelle che lasciano sgomenti. Ma in questo caso c’è ancora di più, ancora di peggio. A uccidersi, infatti, è stata una bambina di soli undici anni. Una bambina che per quell’anoressia era in cura da tempo. E che nella serata di sabato 8 novembre ha detto, probabilmente per l’ennesima volta, alla mamma che non voleva mangiare. E’ andata in camera sua e poi si è uccisa.

E’ accaduto a Torino, in un palazzo dell’elegante quartiere della Crocetta, poco distante dal centro della città. La bimba, hanno raccontato i genitori ai carabinieri intervenuti sul posto, soffriva di anoressia. I sanitari del 118 hanno provato a salvarla trasportandola all’ospedale Maria Vittoria, ma è morta poco dopo l’arrivo in pronto soccorso.

Racconta Claudio Laugeri su La Stampa:

Anna non voleva mangiare. «Non ho voglia» ha detto alla mamma, prima di andare sul balcone. E gettarsi nel vuoto dal terzo piano. L’anoressia ha ucciso una ragazzina di 11 anni, che ha deciso di concludere la propria esistenza alle 19,30 di ieri. All’ora di cena.

È stata inutile la corsa dell’ambulanza verso il Regina Margherita, dove la bambina era già stata ricoverata l’anno scorso per tre mesi, sempre per problemi di anoressia. Al momento della tragedia, in casa c’era soltanto la mamma, insegnante delle scuole medie. Il padre è medico ed era fuori per un turno serale. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che dovranno ricostruire la dinamica della morte di Anna.