Torino, 90enne trovato morto in casa: ipotesi omicidio, colpito con un coltello da cucina

di Daniela Lauria
Pubblicato il 7 Aprile 2021 21:13 | Ultimo aggiornamento: 7 Aprile 2021 21:14
Torino, 90enne trovato morto in casa: ipotesi omicidio, colpito con un coltello da cucina

Torino, 90enne trovato morto in casa: ipotesi omicidio, colpito con un coltello da cucina (Foto archivio Ansa)

Il corpo senza vita di un uomo di 90 anni è stato rinvenuto nella sua abitazione in via Tripoli, a Torino, nel quartiere di Santa Rita. Probabilmente si è trattato di un omicidio.

Da una prima ricostruzione dei carabinieri, che indagano sull’accaduto, l’anziano sarebbe stato colpito con un coltello da cucina. La casa non sembra essere a soqquadro e nell’abitazione non c’erano altre persone. 

Aggiornamento ore 21:13

Torino, le urla dall’appartamento

I carabinieri sono intervenuti in seguito ad alcune chiamate al 112, che segnalavano le urla provenienti dall’abitazione dell’uomo, che non era sposato e abitava da solo, al quinto piano dello stabile di via Tripoli.

I primi accertamenti dei militari, insieme al medico legale incaricato dalla procura, sembrano confermare che l’anziano sia stato accoltellato. Almeno quattro i fendenti, tra cui quello alla nuca.

Torino, nelle telecamere un uomo con mascherina

I carabinieri, al momento, non escludono nessuna ipotesi e stanno analizzando le telecamere di sorveglianza della zona. Le immagini riprenderebbero un uomo, il volto coperto dalla mascherina, allontanarsi in fretta dalla zona.

Secondo alcune indiscrezioni, sarebbe entrato nella vicina tabaccheria per chiedere di cambiare una banconota sporca di sangue, ma il particolare non trova al momento conferme ufficiali. L’unica pista che per ora sembra esclusa è quella della rapina, perché in casa – dove è ancora in corso il sopralluogo degli esperti della sezione investigazioni scientifiche – sembra non mancare nulla.

I vicini: “Era una persona seria e buona”

“Era una persona seria e buona, sappiamo che aiutava i bisognosi”, dicono i vicini di casa della vittima, che non era sposato e viveva da solo. “Andava a comprare al supermercato qui vicino, quando lo incrociavo salutava sempre – dice una signora del palazzo – L’ultima volta con mio marito l’abbiamo visto prima di Pasqua”.

Al momento, però, della sua vita privata si sa poco. “Era molto riservato, qualche volta l’ho visto con una nipote, in altre mi sembra ci fosse un ragazzo ad aiutarlo con la spesa – sostiene la vicina – ma non so davvero nulla”.