Torino, ammoniaca nella bottiglietta d’acqua: 13enne finisce in ospedale

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 Dicembre 2019 18:57 | Ultimo aggiornamento: 18 Dicembre 2019 18:57
Torino, ammoniaca nella bottiglietta d'acqua: 13enne finisce in ospedale

Una bottiglietta d’acqua contaminata (Foto archivio Ansa)

TORINO – Si è sentito male a scuola, dopo aver bevuto da una bottiglietta d’acqua acquistata al supermercato. Così uno studente di soli 13 anni è finito all’ospedale. E’ accaduto mercoledì mattina alla scuola media Caduti di Cefalonia, a Torino. La bottiglietta d’acqua, secondo quanto riferito dai carabinieri, conteneva ammoniaca.

Il giovanissimo alunno è stato poi trasportato all’ospedale Regina Margherita, dove i medici hanno confermato che si trattava di una intossicazione. Insieme a lui è finito al Pronto Soccorso anche un coetaneo, che frequenta la stessa scuola e che aveva annusato l’ammoniaca dalla bottiglia dove in precedenza aveva bevuto il suo compagno.

Tutto è avvenuto nel giro di pochi istanti, alla ricreazione. Il 13enne era rientrato in classe per bere un goccio d’acqua, ma al primo sorso ha iniziato ad avere i conati. “Non riuscivo a respirare, anche se ne avevo bevuto pochissimo – ha spiegato il ragazzino al quotidiano la Repubblica – Era una bottiglietta chiusa e il tappo sigillato. L’ho aperta mentre parlavo con i miei compagni quindi ho bevuto senza guardare ma subito mi sono sentito male”.

A quel punto l’amico si è precipitato a soccorrerlo. “L’ho visto a terra, mi dice “guarda che in quell’acqua c’è qualcosa che non va”, allora l’ho presa e ho sentito l’odore – ha raccontato alla Repubblica  – Era tipo candeggina o cloro. Ho sentito bruciare forte il naso e la gola. A quel punto ho capito che qualcosa non andava”.

Per fortuna entrambi i ragazzini sono fuori pericolo. I carabinieri stanno intanto verificando se nei supermercati indicati dalla madre del ragazzo che ha accusato il malore vi siano lotti della stessa acqua per procedere al sequestro. 

Fonte: Ansa, Repubblica