Torino, contro la Polizia bombe con i chiodi. Viminale: “Volevano far male”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 febbraio 2018 14:42 | Ultimo aggiornamento: 23 febbraio 2018 14:42
Torino, nella guerriglia bombe con i chiodi contro la Polizia. Viminale: "Volevano far male"

Torino, nella guerriglia bombe con i chiodi contro la Polizia. Viminale: “Volevano far male”

ROMA – Quanto accaduto ieri sera a Torino, con il lancio di bombe carta contenenti chiodi e bulloni contro le forze di polizia, “è un fatto gravissimo”. Lo sottolineano funzionari del Viminale ricordando che chi le ha lanciate “voleva fare del male”. Dal ministero ribadiscono dunque l’appello a tutte le forze in campo ad abbassare i toni” e aggiungono: “non faremo sconti a nessuno, le forze dell’ordine intervengono e interverranno per fermare l’illegalità in maniera tempestiva, come accaduto finora”.

“Mi complimento con il personale del reparto mobile di Torino e con tutti i funzionari e gli operatori della polizia di Stato per il servizio di ieri sera”. Così il questore di Torino Francesco Messina in merito agli scontri della scorsa notte tra forze dell’ordine e antagonisti e anarco-insurrezionalisti, scesi in strada per contestare il comizio del leader di CasaPound e candidato premier Simone Di Stefano. “Le persone che vanno a un corteo con bombe imbottite di schegge di legno e metallo – ha aggiunto il questore Messina – non sono dei dissenzienti, ma veri e propri delinquenti”.

Il ministro dell’Interno Minniti: “No rischio degenerazione violenta”. “Penso di no”: così il ministro dell’Interno Marco Minniti ha risposto alla domanda se ci sia un rischio di degenerazione violenta della politica. “Noi – ha detto in diretta Fb – abbiamo una capacità e una forza della nostra democrazia che ci consente di poter dire, con una certa serenità, che siamo in condizione di affrontare la campagna elettorale, che è il cuore della democrazia. E come tale le elezioni devono essere garantite rispettando il principio di libertà e di sicurezza”. “Noi – ha aggiunto Minniti – dobbiamo esprimere un grande apprezzamento alle forze di polizia, alle donne e agli uomini delle forze di polizia, che in questi giorni con un impegno straordinario stanno garantendo la libertà di tutti”.