Torino: regala panna su coppetta gelato da due euro, Finanza multa gelataio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 maggio 2018 11:28 | Ultimo aggiornamento: 31 maggio 2018 11:28
Torino: regala panna su coppetta gelato da due euro, Finanza multa gelataio

Torino: regala panna su coppetta gelato da due euro, Finanza multa gelataio

ROMA – Scene di ordinaria follia fiscale a Torino. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Alla gelateria Ciacci in corso Belgio, verso le tre del pomeriggio, due signori, clienti abituali, ordinano due coppette di gelato: 2 euro a testa, scontrino già preparato, Cristian Ciacci, il titolare, chiede chi voglia la panna. Uno solo dei clienti, grazie sì, volentieri: detto fatto, un po’ di panna al signore. Non appena seduti, con le coppette in mano, i due vengono avvicinati da altri signori: non sono lì per diporto, sono agenti della Guardia di Finanza.

Prego scontrino: nessun problema, anzi no, per una coppetta il problema c’è. Qui c’è scritto due euro, dove sono finiti i 50 centesimi di maggiorazione panna? Tutto a posto, segnala Cristian, “la panna l’ho offerta io, lo scontrino l’avevo già fatto”. Niente da fare, i finanzieri inflessibili non si lasciano persuadere, la legge è legge.

La normativa richiede, infatti, la tracciabilità della merce e delle operazioni effettuate dagli esercenti, anche se gratuite. Per quanto possa sembrare paradossale, il gelataio avrebbe dovuto quindi segnare sullo scontrino il costo della panna montata e riportare una voce di sconto di pari importo (50 centesimi). «Io emetto sempre gli scontrini, multarmi per una panna da 50 centesimi omaggiata mi sembra eccessivo», dice il gelataio torinese. (Livia Fonsatti, Il Messaggero)

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other