Torino, poliziotto ferma 17enne rom per un controllo: gli abitanti del campo lo minacciano, lui spara in aria

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 dicembre 2018 13:25 | Ultimo aggiornamento: 26 dicembre 2018 13:25
torino poliziotto campo rom

Torino, poliziotto ferma 17enne rom per un controllo: gli abitanti del campo lo minacciano, lui spara in aria

TORINO – Attimi di tensione in un campo nomadi a Torino, nella zona dell’Aeroporto. Una cinquantina di residenti nel campo nomadi si sono avvicinati minacciosamente a una pattuglia della polizia che era impegnata nel controllo di un 17enne. Uno degli agenti, per allontanare la folla, ha sparato un colpo di pistola in aria.

Secondo quanto ricostruito, il giovane fermato dagli agenti era stato notato a bordo di un’auto insieme a due ragazze di 17 e 11 anni in zona Madonna di Campagna procedere a fari spenti e a velocità sostenuta. Insospettiti dalla condotta del conducente, gli agenti hanno intimato l’alt per un controllo, ma l’auto ha proseguito la sua corsa giungendo in prossimità del campo nomadi. Quando è stato raggiunto il conducente ha anche tentato di speronare la volante.

Il diciassettenne, abitante nel campo nomadi, raggiunto dagli agenti a quel punto avrebbe chiesto aiuto e decine di persone si sarebbero avvicinati minacciosamente alla polizia chiedendo di lasciarlo andare. Un agente di polizia avrebbe quindi fatto esplodere un colpo in aria con la pistola d’ordinanza riuscendo a far arretrare la folla.

I poliziotti hanno poi verificato che il giovane aveva appena effettuato un furto all’interno di un cantiere nell’area di parcheggio di Corso Grosseto. Nell’auto è stato trovato, come refurtiva, numeroso materiale in legno. A quel punto è scattata una denuncia per resistenza e furto aggravato.