Torino, busta con esplosivo al sindaco Appendino. Indagini sulla pista anarchica

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 1 aprile 2019 21:33 | Ultimo aggiornamento: 1 aprile 2019 21:33
Torino, al sindaco Appendino busta con esplosivo. Indagini sulla pista anarchica

Torino, al sindaco Appendino busta con esplosivo. Indagini sulla pista anarchica (foto Ansa)

MILANO – Una busta con della polvere esplosiva è stata inviata nel pomeriggio di lunedì primo aprile al Comune di Torino, indirizzata al sindaco, Chiara Appendino. L’arrivo del plico ha fatto scattare l’intervento degli artificieri della polizia a Palazzo Civico e la seduta del Consiglio comunale è stata sospesa e rimandata alla prossima settimana. 

La busta, riferisce l’agenzia Ansa, ha come mittente “Scuola A. Diaz. Via C. Battisti 6, 16145 Genova”. La scritta è tracciata in stampatello su un foglio bianco attaccato al plico. All’interno della busta un congegno rudimentale, con una pila, dei fili e della polvere esplosiva. 

Secondo la questura di Torino il gesto sarebbe riconducibile “a soggetti appartenenti all’area anarco-insurrezionalista verosimilmente appartenenti alla cellula riconducibile all’Asilo”, il centro sociale sgomberato lo scorso 7 febbraio dalla polizia. 

Da settimane il sindaco Appendino è nel mirino delle minacce di gruppi di anarchici, tanto che la prima cittadina e la sua famiglia sono sotto scorta. Durante il corteo di sabato 30 marzo sul muro del cimitero monumentale in corso Parco Regio sono apparse le scritte: “Appendino la scorta non ti basta” e “Vieni a Torino, porta un cerino”. (Fonte: Ansa)