Torna dai Mondiali con 90 ovuli di cocaina (in pancia) ma muore all’aeroporto di Venezia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Giugno 2014 8:52 | Ultimo aggiornamento: 26 Giugno 2014 8:57
(foto d'archivio)

(foto d’archivio)

VENEZIA – Era tornato lunedì sera (23 giugno) dal Brasile dove era andato per seguire i Mondiali. All’aeroporto di Venezia si era presentato con 90 ovuli di cocaina nello stomaco, ingeriti per cercare di sfuggire ai controlli.

Ma atterrato in Italia l’uomo, Stefano Gavioli, un bolzanino di 44 anni, si è sentito male ed è svenuto al bagno dell’aeroporto Marco Polo. Trasportato d’urgenza in ospedale è morto dopo poche ore. È stato proprio lo scoppio di uno di questi ovuli di cocaina a provocarne la morte.

Nella sua pancia i medici hanno trovato 90 ovuli, un chilo e mezzo di cocaina.