Presto sarà uomo. Ma per essere anche mamma fa congelare i propri ovociti

Pubblicato il 1 agosto 2012 8:59 | Ultimo aggiornamento: 1 agosto 2012 9:05

fecondazioneBARI – Vuole di cambiare sesso e diventare uomo. Ma allo stesso tempo vuole essere mamma. Così ha deciso di far congelare i propri ovuli prima di sottoporsi all’operazione.

La vicenda, che si svolge a Bari, è la prima del genere in Italia. La racconta la Repubblica.

Una vicenda probabilmente stimolata anche da una postilla inserita nelle linee guida della Transgender Europe (la rete europea di organizzazioni a tutela dei diritti dei transessuali). Questa postilla prevede che lo psicoterapeuta che segue il transessuale nel proprio percorso verso il cambio di sesso gli possa prospettare la possibilità di far congelare i propri spermatozoi o ovuli nel caso desideri un giorno avere dei figli propri.

Il professor Luigi Selvaggi, direttore della prima clinica di ostetricia e ginecologia di Bari, ha spiegato a Repubblica: “Mi è stato chiesto da una donna che vuole conservare le proprie cellule (ovociti e un pezzo di ovaie) per il futuro, sottoporrò il caso al Comitato etico del Policlinico e, sinceramente, spero che mi autorizzi. Tenendo ben presenti i paletti legati alla legge 40che vieta la fecondazione eterologa, eliminando le questioni etiche e religiose, trovo che sia una cosa giustissima: se ammettiamo il transessualismo dobbiamo dare loro la possibilità di riprodursi”.

Ora la donna che presto sarà uomo sta seguendo una terapia ormonale necessaria per il cambiamento di sesso, e che quindi non permette la produzione di ovociti. Per questo i suoi ovociti e una parte dell’ovaio verranno prelevati, poi fertilizzati in vitro e introdotti nella cavità uterina. Forse la cavità uterina di quella che un giorno sarà la moglie della mamma-uomo.