Trapani: bus separati per gli immigrati perchè “sono poco civili”

Pubblicato il 5 Gennaio 2013 10:56 | Ultimo aggiornamento: 5 Gennaio 2013 11:03

TRAPANI – Tante, troppe le proteste dei residenti e così ecco due linee autobus separate: una appunto per i residenti, l’altra per gli “ospiti” del centro accoglienza Salinagrande.

È la proposta di Andrea Vassallo, consigliere comunale di Trapani e a capo della sesta commissione che vuole istituire un mezzo specifico in seguito alle ” lamentele degli abituali viaggiatori indigeni della tratta” che riferiscono “comportamenti poco civili adottati dagli immigrati che spesso creano ed alimentano all’interno del bus un clima di tensione tale da lasciar presagire, prima o poi, il verificarsi di episodi spiacevoli”.

Vassallo vorrebbe anche la polizia a “bordo, al fine di scongiurare i pericoli di ordine pubblico che potrebbero malauguratamente ingenerarsi”, si legge nel comunicato stampa del Comune. Per ora non ci sarebbe una presa di posizione del sindaco Vito Damiano, Pdl. Ma intanto infuria la polemica.