Trapani, il padre aveva molestato la fidanzata: Carmelo Caruso l’ha ucciso a coltellate

Pubblicato il 11 Novembre 2010 18:06 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2010 18:10

Il padre molestava la sua fidanzata e lui l’ha ucciso. E’ questo, secondo gli investigatori, il movente dell’uccisione di Mario Caruso, 60 anni, assassinato ieri sera a Trapani dal figlio Carmelo, di 31 anni. La vittima avrebbe infatti molestato la compagna del figlio, una donna milanese di 25 anni. Sia l’omicida, che si trova adesso rinchiuso nel carcere ”San Giuliano” di Trapani con l’accusa di omicidio volontario, sia la fidanzata hanno infatti fornito agli inquirenti la stessa versione.

Carmelo Caruso, che vive nell’hinterland milanese, da una settimana si trovava a Trapani, ospite del padre. L’assassino, da tempo affetto da disturbi psichici, tre giorni fa era stato colto da una crisi; per questa ragione era stato ricoverato in osservazione nel reparto di Psichiatria dell’ospedale ”Sant’Antonio Abate”.

Proprio durante l’assenza del figlio, il genitore – che vive in casa con una compagna non vedente – avrebbe molestato la giovane donna. Dopo essere stato dimesso dall’ospedale ed essere stato informato dalla fidanzata delle molestie, Carmelo Caruso ieri sera si è recato a casa del padre e, al culmine di una lite, ha impugnato un coltello ed un paio di forbici, colpendo il genitore a morte. Poi, ha chiamato il 113: ”venite a prendermi – ha detto al telefono – ho ucciso mio padre”.