Trenitalia, Puglia critica: “Il sud a scartamento ridotto”

Pubblicato il 10 Dicembre 2010 20:11 | Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre 2010 21:07

”Al nord l’ Alta Velocità, al sud lo scartamento ridotto”. L’assessore alla mobilità della Regione Puglia, Guglielmo Minervini commenta così l’offerta che permetterà ai pugliesi di muoversi nel resto della penisola, già disponibile in via definitiva sul sito delle ferrovie e che andrà in vigore a partire da domenica.

”E’ una singolare metafora dell’Italia a due velocità quella espressa dalla politica di Trenitalia sulle lunghe percorrenze. – sottolinea Minervini -. Mentre al nord il mercato si contende infrastrutture e servizi fondati su un’offerta che garantisca quantità e velocità, al sud il mercato offre un servizio con meno corse e tempi che si allungano sempre più”.

Nell’offerta invernale, la Puglia non ha perso collegamenti, un Eurostar City da Milano è stato spostato verso la nuova destinazione di Torino, ma la coppia di Eurostar City Milano-Bari verrà sostituita con una coppia di Intercity, stessa cosa sulla Taranto-Roma.

Insomma, i pugliesi pagheranno meno ma avranno tempi di percorrenza più lunghi. ”Ci sono altre criticità – commenta l’assessore – i cittadini di Taranto si vedono spostare l’ orario dell’unico collegamento che consentiva di raggiungere la capitale in tempi accettabili e quelli di Barletta dovranno attendere tempi migliori per ottenere una fermata, una sola fermata, di un Eurostar mattutino. Eppure alcuni di questi collegamenti di Trenitalia rientrano nel contratto col Ministero delle infrastrutture e, dunque, sono oggetto di un negoziato nel quale il carattere di servizio pubblico dovrebbe prevalere sulle valutazioni commerciali”.

[gmap]