Trenitalia, Trenord e altre 13: non rimborsano pendolari, arrivano super multe

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Dicembre 2019 13:10 | Ultimo aggiornamento: 11 Dicembre 2019 13:37
Trenitalia, Trenord e altre 13 linee ferroviarie: non rimborsano pendolari, arrivano super multe

Una Freccia di Trenitalia (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Trenitalia è ovviamente la più grande e TreNord è tra le più usate nella sua zona di competenza, ma ce ne sono altre 13 di aziende del trasporto locale o che il trasporto locale lo esercitano, a tutte e quindici è stato promesso un regalo che arriverà nei prossimi sei mesi e di cui tutte e quindici avrebbero volentieri fatto a meno: multe, multe pesanti. In teoria fino al 15 per cento del fatturato.

Il regalo, si fa per dire, è promesso e contenuto nella comunicazione pubblica dell’Autorità per la Regolazione dei Trasporti. Si annuncia che le quindici aziende chiamate in causa  non sempre hanno garantito il diritto all’indennizzo in caso di disservizio. Cioè? Cioè non hanno garantito in ogni occasione i rimborsi dovuti agli utenti in caso appunto di disservizio.

A a chi le aziende di trasporto locale, trasporto ferroviario in primo luogo, regalano spesso anche se non certo volentieri, disservizio? A chi toccano treni in ritardo, carrozze vecchie da risultare punitive per il passeggero, sovraffollamento, cancellazioni, abbandoni sulle panchine e nelle stazioni? Quelli a cui tocca hanno un nome, sono una categoria precisa: i lavoratori viaggiatori pendolari.

I pendolari cui non solo le aziende di trasporto ma anche i governi regionali (non di rado pure quelli nazionali) sempre promettono e giurano: nulla sarà come prima , d’ora in poi…

Poi però , quel poi per i pendolari arriva sempre domani e quel che non arriva o arriva con ritardo o incompleto è il rimborso. Rimborso lento, rimborso incompleto,rimborso con annesso difficile percorso per ottenerlo, rimborso contestato. E in generale una politica aziendale che tende a scoraggiare la richiesta del rimborso da parte dell’utente passeggero in caso di disservizio. Questo l’Autorità ritiene di aver constatato nel comportamento delle 15 aziende e questo intende sanzionare con maxi multe.

Fin qui la notizia, ora la previsione: vogliamo scommettere che, se multate, le 15 società faranno opposizione, ricorsi, melina all’infinito prima di pagare? Insomma la stessa tecnica che hanno sperimentato e sviluppato quando si tratta di pagare i rimborsi ai pendolari.