Treno deragliato a Pioltello, due ipotesi: carrello del vagone rotto o cedimento di rotaia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 gennaio 2018 10:19 | Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2018 11:30
treno deragliato pioltello

Treno deragliato a Pioltello

ROMA – Gli inquirenti stanno cercando di fare chiarezza sul pezzo di rotaia, lungo 23 centimetri, trovato a una ventina di metri di distanza dal cosiddetto “punto zero” dal quale si è staccato. I segni del deragliamento lungo la rotaia partono proprio da quel “cedimento strutturale”.

Per il deragliamento del treno regionale Trenord 10452 a Pioltello, alle porte di Milano, in cui sono morte tre donne, il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano ha aperto un fascicolo con l’ ipotesi di reato di disastro ferroviario colposo, con pene dai 5 ai 15 anni.

Durante i rilievi, riporta Claudia Guasco su Il Messaggero, gli investigatori hanno sequestrato la scatola nera del convoglio e sigillato i vagoni, poi negli uffici hanno acquisito tutti i documenti sulla manutenzioni e i lavori su quel tratto di binari.

Le ipotesi sono diverse: rottura della rotaia, distacco del carrello del terzo vagone. Ma non viene scartata un’altra ipotesi – seppur remota – quella di un sabotaggio. Decisiva sarà la super consulenza affidata dai pm a due esperti ingegneri che si sono già occupati di disastri ferroviari, come quello di Viareggio.