Trento. Vicini di casa per 25 anni, in guerra da 18. Ora processo per stalking

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Marzo 2014 12:30 | Ultimo aggiornamento: 8 Marzo 2014 12:30
Vicini di casa, 18 anni di liti. Ora processo per stalking

Vicini di casa, 18 anni di liti. Ora processo per stalking

TRENTO – Per 25 anni hanno vissuto in due case vicine. E per 18 anni si sono fatti la guerra  da quando lei, involontariamente, ha otturato la canna fumaria. Così la coppia al piano di sotto si è trovata l’appartamento invaso di fumo e al freddo.

La vicenda riguarda una donna trentina che ora ha una sessantina di anni e una coppia di una decina di anni in meno, con un figlio di 7 anni. Vivono in un piccolo condominio e le denunce incrociate sono una serie, ma ora la coppia è stata rinviata a giudizio per stalking, con udienza a maggio.

La persecuzione da parte della coppia verso la vicina, secondo le denunce di lei, sarebbe diventata da anni una consuetudine. Insulti e minacce, anche registrati dalla donna, con l’aggiunta anche di insulti da parte del bambino, pare istigato dai genitori.

Una pressione psicologica che avrebbe portato la donna anche ad avere paura nel rientrare in casa e a chiedere quindi a passanti di accompagnarla all’uscio. Con episodi sgradevoli come  secchiate d’acqua ricevute mentre si trovava in giardino. Tutto denunciato. Ma denunce ce ne sono anche da parte della coppia verso di lei, sempre archiviate.