--

Uccise i custodi di una villa: grazie ad un ‘cavillo’ potrebbe uscire di prigione

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Luglio 2013 13:38 | Ultimo aggiornamento: 6 Luglio 2013 13:47
Treviso, il killer dei custodi della villa potrebbe uscire grazie ad un "cavillo"

Treviso, il killer dei custodi della villa potrebbe uscire grazie ad un “cavillo”

MILANO — Naim Stafa, sei anni fa, durante una rapina a Gorgo al Monticano in provincia di Treviso. La rapina provocò l’omicidio di Guido e Lucia Pelliciardi, anziani custodi della villa.

Stafa, 39 anni, albanese potrebbe ora uscire a marzo dal carcere da colpevole. La Cassazione ha infatti appena annullato la condanna al carcere a vita comminata in appello, rinviando gli atti a Venezia. In attesa che venga decisa l’entità della pena (ergastolo, se vengono riconosciute le aggravanti, circa vent’anni — ma non meno — senza aggravanti) e ricominciare un nuovo giudizio (e un altro passaggio davanti ai supremi giudici) diventa molto probabile che i termini della carcerazione preventiva scadano prima. Una volta uscito, Stafa  si potrebbe rendere irreperibile senza aspettare il nuovo processo.
La vicenda la racconta Oriana Liso su Repubblica in un articolo dal titolo “Massacro in villa, il killer salvato da un cavillo”
“”Molta amarezza e molta frustrazione: ecco cosa prova il mio cliente. Perché in questi anni c’era tutto il tempo di arrivare a una sentenza definitiva”. A parlare è Alessandro Romoli, l’avvocato di Daniele Pelliciardi, unico figlio della coppia sequestrata, torturata e massacrata da un complice di Stafa, Artur Lleshi, suicidatosi in carcere pochi mesi dopo il delitto (il basista, Alin Bogdaneanu, 25enne romeno, è stato condannato a 18 anni in via definitiva).
“L’avvocato di Stafa, Sabina Dei Rossi, aveva presentato ricorso contro l’ergastolo perché — questa la tesi — non si possono contestare le aggravanti della crudeltà, delle sevizie e dei futili motivi a chi non ha materialmente commesso un delitto perché non era presente (anche se i tabulati telefonici dimostrano i contatti tra i due complici durante il massacro). ‘Già tre anni fa la prima sentenza d’appello era stata impugnata, e anche allora la Cassazione aveva rimandato gli atti a Venezia chiedendo che venisse meglio motivata. Evidentemente così non èstato, se anche la seconda condanna è stata annullata’, racconta ora l’avvocato Romoli. Che si sfoga amaro, ricordando come la Cassazione avesse fissato l’udienza ad aprile, salvo accorgersi all’ultimo momento diuna incompatibilità che ha prodotto uno slittamento, fino a mercoledì scorso: «Il palleggiamento tra Corte d’appello e Cassazione ha prodotto questa situazione, non è colpa degli imputati: ora speriamo in una corsia preferenziale per il nuovo processo, perché, quando vuole, la magistratura sa fare in fretta”.
La banda aveva intenzione di svaligiare la villa di Gorgo al Monticano
“A Treviso, dove magistrati e carabinieri avevano lavorato a pieno ritmo per arrestare gli assassini dei Pelliciardi — l’obiettivo era svaligiare la villa di cui erano custodi, vuota per le vacanze — si usa la cautela. ‘Su una decisione della Cassazione non possiamo fare altro che adeguarci’, si limita a dire Michele Dalla Costa, il procuratore capo arrivato in città pochi mesi fa. Ma è proprio il tempo che manca: perché in teoria i sei anni di carcerazione scadrebbero a settembre, ma il primo ricorso ai supremi giudici ha sospeso per sei mesi il countdown: la scadenza ultima dovrebbe cadere a fine marzo, e a quel punto nulla si potrà fare per trattenerlo. A Daniele Pelliciardi resta, a questo punto, solo una giustizia astratta: la sentenza sul risarcimento di oltre un milione è diventata definitiva, ma — essendo i colpevoli nullatenenti — nessuno paga. Il suo avvocato ha fatto causa al governo, perché l’Italia non ha recepito la direttiva europea che istituisce un fondo di indennizzo per le vittime di reati violenti intenzionali che non possono essere risarciti dall’autore del delitto”.