Tromba d’aria a Zoppola (Pordenone): il Comune chiede stato di calamità

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 settembre 2013 19:57 | Ultimo aggiornamento: 9 settembre 2013 19:57

Tromba d'aria a Zoppola (Pordenone): il Comune chiede stato di calamitàZOPPOLA (PORDENONE) – Una tromba d’aria si è abbattuta, nella notte tra domenica e lunedì, in provincia di Pordenone, creando danni e disagi, con un centinaio di interventi dei vigili del fuoco del Comando provinciale e dei distaccamenti di San Vito e Maniago. In azione anche alcune squadre comunali di Protezione civile.

Forti raffiche di vento si sono verificate tra mezzanotte e l’una nella zona compresa tra Zoppola e Fiume Veneto: a quell’ora non c’era quasi nessuno in giro e anche gli automobilisti di passaggio sono rimasti illesi. L’area più colpita è quella a cavallo delle frazioni di Cusano, Poincicco e Pescincanna, dove si registrano tetti scoperchiati, ma sopratutto centinaia di alberi e cartelloni stradali abbattuti.

Il sindaco di Zoppola, Francesca Papais, ha annunciato la richiesta alla Regione Friuli del riconoscimento dello stato di calamità naturale per i danni ingenti. Il primo cittadino, che ha seguito la fase dei soccorsi, ha anche ricordato che quanto accaduto non ha provocato vittime o ferite soltanto per un caso fortuito, essendosi verificato in piena notte. Sono centinaia i cartelloni divelti dalla furia del vento, molti finiti su auto in sosta.