Trova cellulare al parco Leolandia: era di un’amica che non vedeva da 25 anni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 novembre 2014 9:16 | Ultimo aggiornamento: 5 novembre 2014 9:16
Trova cellulare al parco Leolandia: era di un'amica che non vedeva da 25 anni

Trova cellulare al parco Leolandia: era di un’amica che non vedeva da 25 anni

BERGAMO – Ha trovato un cellulare in terra nel parco di Leolandia, a Capriate, è l’ha raccolto. Ma cercando la proprietaria ha avuto un’inaspettata sorpresa: si trattava di una compagna di scuola che non vedeva da 25 anni.

L‘Eco di Bergamo scrive:

“Gianluca, informatico di Pedrengo, domenica pomeriggio ha trovato un cellulare al parco divertimenti Leolandia di Capriate e si è dato da fare per riconsegnarlo alla proprietaria. «Ero a Leolandia con moglie e figli – racconta – quando, verso le 17, ho visto per terra vicino al bar un cellulare Samsung S4. Era spento e ho provato ad accenderlo, ma ovviamente non avevo il pin. Così abbiamo inserito la scheda sim di mia moglie e abbiamo chiamato l’ultimo numero che c’era in rubrica. Ha risposto una ragazza, amica della proprietaria del telefono, che ci ha ringraziato e si è subito prodigata per rintracciare la sua amica e darle il mio numero»”.

I due si incontrano a metà strada, ma non si riconoscono subito, racconta Gianluca:

“«Mi ha detto che era convinta che gliel’avessero rubato e aveva subito bloccato la scheda. Invece probabilmente lo smartphone le era caduto dalla borsa quando si era alzata dal tavolo del bar. Lei abita a Mozzo e così ci siamo accordati per vederci a metà strada, a Ponte San Pietro. Quando le ho restituito il cellulare era felicissima: oltre che per il valore del telefono aveva pianto tutto il pomeriggio per aver perso i numeri indispensabili per il suo lavoro di rappresentante di articoli medici. Mi ha ringraziato e ci siamo salutati.

Pochi minuti dopo, mentre eravamo in auto, ho pensato che quella donna assomigliava molto a una mia compagna di classe dell’istituto Vittorio Emanuele II.Mia moglie mi ha detto: “Sembra anche a me, richiamala e chiediglielo” e così ho fatto. Era proprio quella Virginia compagna di classe che non vedevo da 25 anni. Dopo la maturità ci eravamo persi di vista e ora ci siamo ripromessi di organizzare una serata e ritrovarci per parlare dei bei vecchi tempi. È stata una bella sorpresa per entrambi: non mi aspettavo che trovare un cellulare per terra mi avrebbe fatto ritrovare un’amica»”.