Falsi braccianti nel Salernitano: 700 persone coinvolte nella truffa, all’Inps sottratti 1.6 milioni

Pubblicato il 16 Ottobre 2010 - 08:35 OLTRE 6 MESI FA

Una truffa ai danni dell’Inps da 1 milione e 600 mila euro messa in atto da imprenditori agricoli attraverso un vasto giro di falso bracciantato. Questo, almeno, secondo gli uomini della Guardia di Finanza che nelle prime ore del mattino di sabato 16 ottobre  hanno eseguito una serie di sequestri preventivi  a carico di imprenditori agricoli nel Salernitano.

L’attività si inserisce in una vasta indagine contro il fenomeno del falso bracciantato nella provincia di Salerno. Al momento sono coinvolti oltre a 700 falsi braccianti oltre agli imprenditori e i professionisti ritenuti gli organizzatori della truffa.

La truffa veniva realizzata dichiarando falsamente all’Inps, con le ”denunce aziendali” delle imprese agricole la coltivazione di terreni in realtà in uso a terzi o ad altre aziende agricole, con la conseguente falsa assunzione di manodopera.

Dalle indagini è emerso che esisteva un vero e proprio tariffario per diventare falso bracciante, con importi che variavano da mille a 3.500 euro a seconda che si trattasse di cittadini italiani o extracomunitari. Gli imprenditori delle aziende coinvolte hanno tra l’altro sistematicamente omesso di versare i contributi previdenziali dei lavoratori, determinando cosi’ un doppio danno all’erario.