Turista stuprata a Sorrento, chat vergognosa su WhatsApp: “Ci siamo fatti una nonnina…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 maggio 2018 10:23 | Ultimo aggiornamento: 16 maggio 2018 10:23
Turista stuprata a Sorrento, chat vergognosa su WhatsApp: "Ci siamo fatti una nonnina..."

Turista stuprata a Sorrento, chat vergognosa su WhatsApp: “Ci siamo fatti una nonnina…”

SORRENTO – “Ci siamo fatti una nonnina… 40/50 anni… m’agg fatt nu tavolone cu na milf… era nu patanone incredibile… quello che ho visto ieri mai visto in vita mia”. Sulla chat “Cattive abitudini” e in altre conversazioni WhatsApp i carnefici della turista inglese drogata e violentata a Sorrento 2 anni [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,Ladyblitz – Apps on Google Play] fa ridevano e scherzavano sull’accaduto.

Messaggi scambiati nei giorni immediatamente successivi alla notte tra il 6 e il 7 ottobre 2016, la notte dello stupro. Chat ritrovate sui cellulari sequestrati a tre dei cinque ex dipendenti dell’Hotel Alimuri di Meta di Sorrento (Napoli) finiti in carcere con l’accusa di violenza sessuale di gruppo.

Su WhatsApp alcuni del branco si sono scambiati “due foto di una donna seminuda trattenuta da braccia maschili”. La donna non è riconoscibile. La signora ricorda un’altra foto, peggiore, dove invece è riconoscibile ed ha il “volto atterrito” per la situazione vergognosa in cui la stanno costringendo. Forse altre foto sono state cancellate prima del sequestro. In una chat uno dei ragazzi scrive: “Ieri mi sono fatto un tavolo con i ragazzi della cucina con una Milf canadese…”.

“Imm sclerat… Fantasticoooo. Na bella chiavat fidati. Agg fatt nu tavolone cu na milf”. “Tavolone” è un termine gergale napoletano: il sesso sfrenato su una donna stesa supina su un largo letto o tavolo. Ricorre spesso nelle chat, insieme al termine milf.