Tursi: Vincenzo Trani, 45 anni, denuncia il padre che non l’ha riconosciuto. E vince

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 dicembre 2017 21:11 | Ultimo aggiornamento: 12 dicembre 2017 21:15
Tursi-Vincenzo-Trani

Tursi: Vincenzo Trani, 45 anni, denuncia il padre che non l’ha riconosciuto. E vince

MATERA – A 40 anni denuncia il padre che lo aveva abbandonato da piccolo, vince la causa e 20mila euro. E’ accaduto a Tursi, piccolo paese in provincia di Matera in cui nacque ol poeta dialettale Albino Pierro.

Qui tutti sapevano, ma per anni Vincenzo Trani, che oggi ha 45 anni, ha sperato in un “segnale” da parte del padre naturale, Giovanni Sanchirico, che non la ha mai riconosciuto. Così, nel 2012, a 40 anni, Trani ha deciso di fargli causa e adesso, con una sentenza dello scorso 7 dicembre, la sezione civile del Tribunale di Matera ha condannato il padre naturale dell’uomo ad un risarcimento del danno esistenziale per 20mila euro.

Si tratta, secondo quanto reso noto dall’avvocato di Trani, Luciano Vinci, di una sentenza per certi versi storica, perché il figlio rifiutato non ha dovuto dimostrare il danno esistenziale subito a causa dal mancato riconoscimento: nella sentenza si fa infatti riferimento alla circostanza che il danno è dimostrato dal fatto in sé, quindi proprio dal mancato riconoscimento e dall’assenza paterna.

Il procedimento era cominciato nel 2012 quando Trani, procuratore calcistico, sposato e padre di una bambina, aveva cercato di ottenere il riconoscimento dal genitore naturale, spinto anche dalla sua recente paternità.

Sanchirico a 18 anni aveva avuto una relazione con una donna di Tursi, che aveva messo incinta, ma non avendo un lavoro stabile era emigrato a Genova, luogo raggiunto anche da altri concittadini. Nel capoluogo ligure si era fatto un’altra famiglia, facendo poi ritorno a Tursi dove ha trovato lavoro nel Corpo della Polizia Municipale, ma senza mai riconoscere quel figlio.