Uccise un buttafuori nel torinese, è stato arrestato a Bruxelles

Pubblicato il 7 Maggio 2010 9:11 | Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2010 16:11

Christian Ionut Birzu

È stato arrestato a Bruxelles l’assassino di Cristian Ionut Birzu, il buttafuori della discoteca Atlantic Club di Avigliana (Torino), ucciso a colpi di pistola lo scorso 13 dicembre. Saimir Xhamxhiu è stato catturato dai carabinieri del comando provinciale di Torino, in collaborazione con la polizia federale belga e l’Interpol.

L’assassinio avvenne fuori dal locale. Il buttafuori romeno, sposato e con una bambina piccola, aveva negato l’accesso alla discoteca a un gruppo di albanesi ritenendoli troppo ubriachi.

Due di loro, per vendicarsi, erano tornati armati di pistola per una sorta di spedizione punitiva e uno di loro aveva sparato sul romeno, ferendolo mortalmente. Gli amici della vittima avevano inseguito i due aggressori riuscendo però a fermarne soltanto uno, che i carabinieri avevano dovuto sottrarre al tentativo di linciaggio.

Dell’altro, che dei due era colui che aveva premuto il grilletto, si erano invece perse le tracce. Fino ad oggi.

“La mia bambina avrebbe il piacere di conoscere l’autore dell’assassinio di mio marito e di chiedergli perché le ha portato via il suo papà”. Con queste parole Simona, la moglie di Cristian Birzu, ha reagito alla notizia dell’arresto di Saimir Xhamxhiu, avvenuto in Belgio. Dopo l’assassinio del marito, la donna ha lasciato Rivoli, dove la coppia viveva, e ha fatto ritorno in Romania dalla famiglia di origine.

L’assassino è stato riconosciuto in un rilevamento fotografico dai colleghi di Birzu, che avevano assistito all’assurdo omicidio. “E’ un volto che non ci possiamo dimenticare – ha detto uno dei buttafuori dell’Atlantic Club – così come quello del suo compare (Kalemi Olsi, albanese di 24 anni, che era sfuggito al linciaggio dopo essere stato raggiunto dagli amici della vittima, ndr). Da quella tragica notte ormai li sognano sempre”.