Udine, smarrita prova di colpevolezza: imputato assolto

Pubblicato il 16 Maggio 2012 19:50 | Ultimo aggiornamento: 16 Maggio 2012 19:58

UDINE, 16 MAG – Smarrita la prova regina, l'imputato viene assolto. E' accaduto mercoledi al tribunale di Udine dove il gup Paolo Alessio Vernì ha assolto dalle accuse di ricettazione e uso indebito di carte di credito, per insufficienza e contraddittorieta' della prova, un uomo di San Giovanni al Natisone (Udine), di 49 anni.

Secondo l'accusa l'uomo si era servito di carte di credito di un dipendente comunale a cui, il 20 aprile 2010, era stato sottratto il portafoglio. Quello stesso giorno, nel giro di un'ora, erano stati effettuati 11 prelievi in 4 banche per un totale di 3 mila e 500 euro. Una delle telecamere a circuito chiuso di una banca aveva ripreso l'utilizzatore del bancomat e dai fotogrammi la stessa vittima aveva riconosciuto l'autore del reato. Ma il dvd in cui erano state salvate le immagini, in unica copia, è stato smarrito nel passaggio degli atti del fascicolo dalla Procura al Tribunale. Nel pronunciare la sentenza,il gup ha comunque rinviato gli atti alla Procura per valutare la posizione di una cittadina la cui testimonianza potrebbe risultare fondamentale..