Ultrà Feyenoord, Marino contro Olanda “pagate danni” e Prefetto “sicurezza flop”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 febbraio 2015 20:44 | Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2015 20:44
Ultrà Feyenoord, Marino contro Olanda "pagate danni" e Prefetto "sicurezza flop"

Ultrà Feyenoord, Marino contro Olanda “pagate danni” e Prefetto “sicurezza flop”

ROMA – La cronaca racconta di una città colpita al cuore, in alcuni dei suoi simboli: Campo de’ Fiori prima, Piazza di Spagna poi. Dall’Olanda sono arrivati i tifosi del Feyenoord è il bilancio è di oltre 10 feriti e una cinquantina di ultras fermati. Ma di bilancio ce n’è un altro: quello dei danni. Gli ultras hanno danneggiato la Fontana della Barcaccia del Bernini. Hanno insozzato Piazza di Spagna, hanno distrutto auto e motorini parcheggiati. La furia degli hooligans si è abbattuta anche sui mezzi pubblici: sono 15 i mezzi Atac danneggiati. Mezzi che erano stati messi a disposizione dei tifosi proprio per il trasporto allo stadio.

Per le foto e i video degli scontri clicca qui

Dall’Olanda la reazione è quella della vergogna. E quella della promessa della punizione dei colpevoli. Intanto però c’è da fare i conti dei danni. Chi li paga. Al danno si aggiunge la beffa: la Barcaccia era appena stata restaurata grazie a un finanziamento privato. E il sindaco Ignazio Marino spiega che di far pagare ai romani l’inciviltà altrui non se ne parla:

“Ho detto all’ambasciata olandese ‘chi rompe paga’. Ho sentito anche il nostro ministro degli Esteri. Al vice ambasciatore olandese ho detto di strappare in faccia i passaporti a questi vandali e lasciarli a casa, perché a Roma non sono più graditi”.

Perdonabile, vista la situazione, l’imprecisione sui passaporti. Gli olandesi per venire a Roma non ne hanno bisogno. Ma è un dettaglio. Il problema è un altro. Ci sono i danni e c’è la responsabilità politiche e di sicurezza. Sulle macerie di Piazza di Spagna, infatti, scatta subito il tutti contro tutti. Matteo Salvini, per un giorno attento alla vicende di Roma città, ne approfitta per chiedere le dimissioni di Angelino Alfano (volta più, volta meno…). Si unisce subito anche il Movimento 5 Stelle.

Marino, invece, è un fiume in piena. Annuncia che chiederà i danni all’Olanda, chiama il ministro degli Esteri.  Il suo obiettivo principale è la gestione dell’ordine pubblico e il prefetto Giuseppe Pecoraro. “Perché non è stata protetta la barcaccia? Sbotta”. E poi attacca: “Errori negli ordini dati alla polizia. Erano sulle scalinate di piazza di Spagna e non hanno ricevuto l’ordine di intervenire”.  E ancora:

“La gestione della sicurezza ha falle grandi e intollerabili, ieri ci sono stati altri episodi di violenza, stamani prefettura e questura hanno assicurato che era tutto sotto controllo, abbiamo visto cosa è successo”.

I VIDEO DELLA GIORNATA. ARRIVO DEI PRIMI ULTRAS DEL FEYENOORD ALL’OLIMPICO:

GLI ULTRAS DEL FEYENOORD AL PINCIO

I VIDEO DEGLI SCONTRI IN PIAZZA DI SPAGNA:

Questi sono i video degli scontri della notte del 18 febbraio a Campo dei Fiori a Roma: