Un furto al minuto: nel 2012 svaligiate 240 mila case

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 gennaio 2014 9:48 | Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2014 9:48
Un furto al minuto: nel 2012 svaligiate 240 mila case

Un furto al minuto: nel 2012 svaligiate 240 mila case

ROMA – Nel 2012 in Italia sono state svaligiate circa 240 mila case che, tradotto, vuol dire che viaggiamo a una media di un furto al minuto. Sono i numeri analizzati da Transcrime, istituto di criminologia dell’Università Cattolica di Milano, sulla base dei dati forniti dal ministero degli Interni.

Il boom di rapine c’è stato nel 2004, quando i furti a domicilio sono cresciuti del 114% contro un generale aumento del 4%.

Il fenomeno si va via via allargando, soprattutto al Nord, con altrettante reazioni violente da parte della cittadinanza che si organizza in ronde e cortei. Non ultima la caccia al ladro di Serle culminata con l’uccisione del malvivente.

Stando ai numeri di Confabitare un’impennata c’è stata anche nel 2013: nei primi 6 mesi a Bologna i furti sono aumentati del 30,3%, a Milano del 29, a Torino del 26 e a Roma del 25. Ma attenzione a non banalizzare, attribuendo i furti porta a porta alla crisi economica: “Questo reato richiede un’abilità che non si improvvisa. Chi si trova dalla sera alla mattina senza un lavoro e senza un reddito e tenta il colpo della disperazione è più probabile che si inventi scippatore, rapinatore o ladruncolo da supermercato”.

Il dato più allarmante è che ad aumentare sono i furti a catena:  se i colpi avvengono a distanza ravvicinata nella stessa strada o quartiere, tutti gli abitanti finiranno col sentirsi esposti al medesimo rischio. E il rischio è che si instaurino altrettanti meccanismi di difesa collettivi.