Università, blitz degli studenti a San Marco. La Gelmini su Youtube: “Non fatevi usare”

Pubblicato il 26 novembre 2010 16:20 | Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2010 17:41

E’ durata neanche mezz’ora la protesta di circa 40 studenti universitari che hanno preso possesso della balconata centrale della Basilica di San Marco a Venezia, per dire no al decreto di riforma dell’Università.

Sono infatti scesi in maniera pacifica, controllati da polizia e carabinieri. I manifestanti si trovavano sul terrazzo della facciata principale della Basilica, dove vi sono i quattro cavalli di bronzo dorato e argentato (in realtà le copie degli originali provenienti da Costantinopoli). Sul posto sono subito arrivati gli uomini delle forze dell’ordine.

La manifestazione di protesta è stata organizzata dal Coordinamento studenti Universitari veneziani, che ha in Tommaso Cacciari (ex Disobbedienti) uno dei portavoce. ”Nel mondo del lavoro – ha detto Cacciari – gli immigrati salgono sulle gru per chiedere il rispetto dei loro diritti. Parlando di cultura, questi monumenti sono le nostre ‘gru’, quelle che i ministri Gelmini e Tremonti, o il ministro Bondi vorrebbero abbattere”.

5 x 1000

I manifestanti hanno srotolato dalla balconata della chiesa due striscioni: il primo recita ”It’s final countdown Pdl Gelmini”, il secondo ”Non avrete la mia fiducia. Roma 14 dicembre 2010”. La Basilica è rimasta controllata all’esterno da un nutrito gruppo di poliziotti per tutta la durata del blitz, ma la manifestazione non è degenerata e l’ingresso dei turisti alla chiesa non è stato interrotto.

La protesta degli universitari anche oggi  ha preso di mira un edificio simbolo: a Roma, due giorni fa, un gruppo di ragazzi ha fatto irruzione prima al Senato poi al Colosseo durante una manifestazione che ha visto uniti liceali e universitari contro la riforma Gelmini in discussione in Parlamento.

Intanto il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, lancia un messaggio agli studenti su Yotube: “Ragazzi questa riforma vuole aiutarvi, non danneggiarvi”.