Uno Bianca: negato sconto a 30 anni a Fabio Savi che resta all’ergastolo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Dicembre 2014 14:23 | Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre 2014 14:23
Uno Bianca: negato sconto a 30 anni a Fabio Savi che resta all'ergastolo

Uno Bianca: negato sconto a 30 anni a Fabio Savi che resta all’ergastolo

ROMA – Uno Bianca: negato sconto a 30 anni a Fabio Savi che resta all’ergastolo. La Corte di Assise di Bologna ha respinto l’istanza di uno sconto di pena avanzata da Fabio Savi, uno dei leader della Banda della Uno Bianca. Detenuto a Spoleto, Savi aveva chiesto, invocando vari principi di giurisprudenza, che gli venisse commutata la pena dall’ergastolo in 30 anni di reclusione.

La domanda di Savi, assistito dall’avvocato Ada Maria Barbanera, era stata discussa in un’udienza il 5 novembre. Rifacendosi alla sentenza ‘Scoppola’ della Corte Europea dei diritti dell’uomo e a pronunce di Corte costituzionale e Cassazione, aveva chiesto, in sostanza, il riconoscimento del diritto di usufruire, a posteriori, del rito abbreviato.

Il procuratore aggiunto Valter Giovannini, intervenuto per la Procura, aveva chiesto a propria volta che la domanda venisse dichiarata inammissibile. Per i giudici (presidente Michele Leoni, giudice relatore Paola Passerone) pur reputando la domanda ammissibile, mancano i “presupposti operativi relativi al principio della retroattività e della ultrattività ‘in mitius”’, cioè di una pena più mite.

Sarà interessante leggere per esteso le motivazioni della Corte d’Assise alla sentenza che, di fatto, disapplica tutto un concerto di norme (Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, della Corte Costituzionale e della Cassazione), aventi ormai valore di legge in Italia.