Uragano Laura tocca terra in Louisiana e diventa forza 4. Può essere più devastante di Katrina

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Agosto 2020 8:53 | Ultimo aggiornamento: 27 Agosto 2020 9:14
Uragano Laura tocca terra in Louisiana e diventa forza 4. Può essere più devastante di Katrina

Uragano Laura tocca terra in Louisiana e diventa forza 4. Può essere più devastante di Katrina

L’uragano Laura si rafforza, tocca terra in Louisiana e diventa categoria 4. “E’ peggio di Katrina”.

Uragano Laura diventa forza 4, su una scala massima di 5. Oltre 103 mila case sono già senza elettricità tra la Louisiana e il Texas. Di questi, 87.157 sono Louisiana dove poco fa la tempesta ha toccato terra e gli altri 16.356 sono nel Texas. 

L’uragano Laura si è abbattuto a riva vicino al confine tra Texas e Louisiana prima dell’alba con una violenta tempesta di categoria 4 minacciando quelle che i meteorologi hanno descritto come inondazioni letali e danni diffusi. 

Laura è una tempesta di proporzioni storiche, con la velocità del vento all’approdo che ha superato l’uragano Katrina del 2005.

L’uragano in rapido movimento è esploso di intensità ieri, 26 agosto, e ha continuato a guadagnare forza nella notte, con venti sostenuti di 240 km orari, secondo il National Hurricane Center, vicino alla soglia di 252 chilometri orari che lo porterebbe a categoria 5. 

Dietro di sé ha già lasciato una scia di morti e distruzione nei Paesi finora colpiti. Ad Haiti e nella Repubblica Dominicana ha fatto almeno 25 vittime.

A Cuba ha causato danni ingenti ma non risultano morti. Nel Golfo del Messico oltre cento piattaforme petrolifere sono state evacuate come misura precauzionale, fermando circa l’80% della produzione di petrolio. Per il centro uragani Usa “è estremamente pericoloso”.

L’allarme del National Hurrance Center

Laura è “un formidabile uragano” che potrebbe sollevare onde di tempesta “a cui non si può sopravvivere”, con venti estremi e allagamenti istantanei: è l’avvertimento lanciato dal National Hurricane Center (Nhc) americano, poche ore prima dell’arrivo sulle coste degli Stati Uniti.

Onde alte fino a sei metri potrebbero riversarsi sulle coste penetrando all’interno anche per decine di chilometri, ha spiegato l’Nhc.

Laura è stata innalzata a categoria 4 dopo aver guadagnato il 70% di forza in 24 ore, con venti che soffiano a 240 km orari. A mezzo milione di persone è stato chiesto di trasferirsi in vista del passaggio della tempesta.

Potrebbe innescare un’ondata di tempeste innalzando il livello dell’acqua di diversi centimetri e toccando aree fino a 50 Km nell’entroterra.

Diversi rifugi di emergenza sono stati aperti in Texas, con precauzioni sanitarie in atto per combattere la diffusione dell’epidemia di Covid-19.

Lunedì l’altra tempesta

La Louisiana lunedì era già stata investita dalla tempesta tropicale Marco che ha causato forti venti e piogge torrenziali. Il presidente americano, Donald Trump, ha chiesto alle popolazioni delle zone su cui transiterà l’uragano di “ascoltare le autorità locali” perché la tempesta è “molto pericolosa e in rapida intensificazione”.     

Le evacuazioni sono rese più complicate dall’emergenza Covid-19. Il governatore del Texas, Greg Abbott, ha esortato le famiglie che se lo possono permettere si trovare riparo in hotel e motel per favorire il distanziamento sociale. (Fonti: Ansa, Agi, Cnn).