Cronaca Italia

Valdagno (Vicenza): abusa di bimba di 6 anni, arrestato nigeriano

carabinieriUn nigeriano e’ stato arrestato per aver violentato sessualmente una bambina di 6 anni, figlia di una coppia di connazionali che gli avevano dato ospitalita’. A mettere le manette all’uomo, clandestino in Italia, i carabinieri di Valdagno (Vicenza) e di Montecchio Maggiore (Vicenza). Il clandestino, secondo quanto e’ emerso dalle indagini, approfittando delle assenze dei genitori, avrebbe compiuto e avrebbe fatto compiere, anche usando violenza, atti sessuali nei confronti della minore.

I militari, ricevuta la notizia ed avvisata l’autorita’ giudiziaria, hanno avviato le indagini e cercato l’immigrato che, immaginando di essere ricercato, si spostava usando mille accorgimenti tra la provincia veronese e quella padovana. Il nigeriano e’ stato infine localizzato e stamani e’ stato bloccato a Montecchio Maggiore. Sono in corso accertamenti anche a carico di un connazionale residente nella provincia di Verona con il quale il nigeriano intratteneva rapporti telefonici.

L’immigrato, Sunday Mmojekwu, 28 anni, era arrivato clandestinamente in Italia all’inizio dell’ anno e aveva trovato ospitalita’ in casa di connazionali. Una giovane coppia, con permesso di soggiorno, con una figlia di sei anni: lui lavora come operaio, mentre lei fa la casalinga. La coppia, secondo quanto appurato dall’Arma, aveva fiducia del loro amico tanto che la piccola lo chiamava ‘zio sonny’. Le violenze sarebbero durate un paio di mesi, quando la bambina, che andava all’asilo, non aveva ancora compiuto sei anni ed nei momenti in cui i genitori la affidavano, per qualche ora a Mmojekwu.

La vicenda e’ venuta a galla perche’ la bambina ha riferito i fatti ad un’amichetta e questa l’ha poi raccontato alla madre che infine ha informato la mamma della piccola. I genitori hanno percio’ denunciato la violenza ai carabinieri che, dopo aver sentito la bimba con l’aiuto di uno psicologo e dei servizi sociali, li hanno convinti a non reagire e a far allontanare da casa, con una scusa l’indagato.

L’uomo ha sospettato qualcosa e dopo aver lasciato momentaneamente la casa dov’era ospite, trovando rifugio presso connazionali del veronese e del vicentino, e’ tornato per prendere le sue cose e poi fuggire nel sud Italia. Nella casa della famiglia senegalese, Mmojekwu ha pero’ trovato ad attenderlo i carabinieri che l’hanno arrestato su provvedimento della magistratura berica.

To Top